curcuma sulle guance

curcuma e chili

.. si sa le fiere sono “non luoghi”, avulsi dall’ambiente che le circonda, nugoli e coacervi di masse indefinite di persone che, con scopi tutt’altro che noti ai mortali, s’aggirano e perlustrano. Ma in una recente a Norimberga (fiera del biologico europeo) mi è accaduto di avere un paio di incontri sulle spezie: un botanico nepalese conosciuto a Katmandu, che oltre ad avermi reso chiara la distinzione tra curcuma domestica e curcuma longa, in realtà solo leggermente diverse (una più arancio e più fibrosa dell’altra) mi ha illustrato i modi con i quali le donne nepalesi ne utilizzano la polvere dorata:  tal quale, in polvere come decoro sulle guance (del resto noi coloriamo di rame le nostre pallide guance loro dorano le loro scure gote). Non solo,  in forma di preparati in pasta,  con curcuma e cetriolo o curcuma e olio di senape, da applicare al viso e a tutto il corpo, soprattutto alle spose prima del matrimonio, per rendere il viso luminoso e purificare la pelle. E’ un trattamento di giovinezza (passatemi il termine!) astringente, riequilibrante, antinfiammatorio, antiossidante dunque anti invecchiamento cellulare. cosi l’ho fatto pure io…..

1 cucchiaino di curcuma, 1 cucchiaino di latte, 1/2 di olio vegetale- mescolare tutto e applicare per 10 minuti – un viso luminoso e schiena come la seta!

Autore: valeria

nata in una città di mare dove non si mettono radici ho sempre viaggiato mimetizzandomi nel divenire di luoghi e persone. pratico una cucina corsara al cui centro vive l'attenzione alla materia prima, alle storie, alle provenienze. da anni sono nel commercio equo e solidale, ho attraversato campi, volti e mani di spezie, mescolando culture, diritti e complessità planetarie. sono autrice di "le spezie in cucina" (2004) e "le cucine degli altri" (2008), in ricerca con i laboratori masala per bambini, da 10 anni ormai non smetto di subire senza fine il fascino delle spezie.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn