noce moscata per i 100 anni di artusi

artusisub

Proprio oggi fanno 100 anni dalla morte di Pellegrino Artusi (a forlimpopoli ancora c’è la locanda artusi in suo nome). Più che commemorarne la dipartita, – chè del cibo all’epoca forse aveva perso la lucidità! – mi sono avventurata nello sfogliare il suo ” l’arte di mangiar bene” del 1941   (epoca della sua terza edizione al tempo in cui mia nonna lo ha ricevuto in regalo!); uno scritto e una collezione di ricettinformazioni di un uomo colto, prezioso divagare di viaggi, notizie scientifiche, culinarie che, per il tempo erano assai argomentate e decisamente più rare di oggi.

Oltre alla già famosa ricetta delle spezie fini (un vero e proprio masala dolce da lui confezionato che ha la particolarità di menzionare sia il pepe garofanato o allspice che il macis spezie all’epocea più diffuse perchè più legate all’epoca coloniale) ho messo il naso nelle pagine appena antiche alla vista e mi è balzato all’occhio un fatto curioso: quasi il 90% delle ricette delle “zuppe in brodo” (dall’artusi distinte dalle zuppe asciutte) riportano tra gli ingredienti il faitidico “odore di noce moscata“. Si tratta di una cinquantina di ricette di pasta ripiena, fresca, passatelli, brodi saporiti, dove la noce moscata sta col pepe o al massimo il formaggio in trionfo.

Con Artusi a cui brindo, introduco invece questo intrigante nocciolo scuro che è la noce moscata, perchè lei è stata uno dei motori che hanno cambiato – purtroppo?- le sorti del mondo geograficamente economicamente e socialmente. verso un capitalismo dominante senza ritorno.

La storia dell’Isola della noce moscata, in Indonesia, risale a dopo il medioevo…

 

 

 

Autore: valeria

nata in una città di mare dove non si mettono radici ho sempre viaggiato mimetizzandomi nel divenire di luoghi e persone. pratico una cucina corsara al cui centro vive l'attenzione alla materia prima, alle storie, alle provenienze. da anni sono nel commercio equo e solidale, ho attraversato campi, volti e mani di spezie, mescolando culture, diritti e complessità planetarie. sono autrice di "le spezie in cucina" (2004) e "le cucine degli altri" (2008), in ricerca con i laboratori masala per bambini, da 10 anni ormai non smetto di subire senza fine il fascino delle spezie.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn