l’unità …dei sapori di italia e dintorni

si celebra l’unità come comunità, democrazia, collettività e  rispetto delle diversità. per oggi ho scelto spezie e aromi noti a tutti,  parte dell’identità di questo territorio, ma con straodinarie comunanze con ….altri territori.

peperoncini rossi – partiti dal messico, nomadi per natura, han fatto il giro del mondo e dagli urali sono giunti fino all’europa e poi alle nostre calabrie. sono esempio concreto di come si diventa cittadini dei luoghi dove si vive e si cresce, caldi ed appassionati si adattano ai terreni e ai climi locali (pensate che il 95% dei peperoncini si consuma nei luoghi in cui viene coltivato!), ma pur sempre vibrano nella diversità, di piccantezza, di gusto e di forma, invidiabile a pochi. 

aglio – un sapore popolare, del popolo, insomma dei poveri del popolo! qualcosa di comune a tutti i popoli

timo – il vigore di erbe spontanee che accomunano tutto il mediterraneo (qui ve lo propongo in uno za’hatar, miscela di spezie delle zone arabe palestinesi che insieme al timo mescola sesamo e sumak, che in Italia trova perfetto connubio e posto sulla pizza o sulla bruschetta, con un ottimo olio di oliva!). buon 150°.

Autore: valeria

nata in una città di mare dove non si mettono radici ho sempre viaggiato mimetizzandomi nel divenire di luoghi e persone. pratico una cucina corsara al cui centro vive l'attenzione alla materia prima, alle storie, alle provenienze. da anni sono nel commercio equo e solidale, ho attraversato campi, volti e mani di spezie, mescolando culture, diritti e complessità planetarie. sono autrice di "le spezie in cucina" (2004) e "le cucine degli altri" (2008), in ricerca con i laboratori masala per bambini, da 10 anni ormai non smetto di subire senza fine il fascino delle spezie.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn