zafferano e sclerosi multipla. uno studio dell’università dell’alberta.

crocus_sativus_zafferano

Un componente presente nello zafferano potrebbe aiutare a proteggere le cellule cerebrali dai danni e disturbi neurologici provocati dalla sclerosi multipla. E’ quanto sostengono gli scienziati e i ricercatori dell’Università dell’ Alberta che hanno studiato l’ingrediente crocina (o crocetina), il carotenoide o pigmento organico che da il caratteristico colore giallo presente nei fiori del genere crocus. Studiando modelli di laboratorio di colture cellulari, hanno scoperto che il pigmento è in grado di prevenire i danni alle cellule che producono mielina nel cervello (la guaina che circonda la maggior parte delle fibre nervose e permette di garantire un’alta velocità di trasmissione dell’impulso nervoso all’interno del nostro corpo. Un’alterazione o una perdita della guaina mielinica può rallentare o addirittura bloccare l’impulso nervoso determinando, di conseguenza, l’insorgenza di tutta una serie di sintomi e segni clinici.). La crocina esercita un “effetto protettivo” nelle colture di cellule cerebrali e in alcuni tipi di sclerosi multipla (SM), ha detto il dottor Chris Power, che ha guidato la ricerca. Impedisce danni alle cellule che producono mielina nel cervello”, afferma. “La mielina è isolante per i nervi. La Sclerosi multipla è caratterizzata da cellule cerebrali infiammate che hanno perso questo isolamento protettivo (processo noto come demielinizzazione), e portano alla neuro degenerazione,” ha spiegato. I ricercatori, che hanno esposto il loro studio sul Journal of Immunology, hanno osservato che essi non sono ancora vicino ad una fase di sperimentazione clinica, ma la scoperta è senza dubbio emozionante. Dagli esperimenti emerge per la prima volta che la crocina riduce l’infiammazione e lo specifico tipo di stress delle cellule, con conseguente diminuzione del danno neurologico. “Restano ancora molte domande aperte su come la crocina eserciti questi effetti neuro protettivi, ma questa ricerca mette in evidenza un ruolo potenziale per la crocina nel trattamento delle malattie croniche che coinvolgono la neuro infiammazione – qualcosa che non era stato ancora evidenziato scientificamente fino ad ora,” ha aggiunto Power.

http://news.in.msn.com/international/article.aspx?cp-documentid=5574083

 

Autore: valeria

nata in una città di mare dove non si mettono radici ho sempre viaggiato mimetizzandomi nel divenire di luoghi e persone. pratico una cucina corsara al cui centro vive l'attenzione alla materia prima, alle storie, alle provenienze. da anni sono nel commercio equo e solidale, ho attraversato campi, volti e mani di spezie, mescolando culture, diritti e complessità planetarie. sono autrice di "le spezie in cucina" (2004) e "le cucine degli altri" (2008), in ricerca con i laboratori masala per bambini, da 10 anni ormai non smetto di subire senza fine il fascino delle spezie.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn