ricette infusi e bevande cucina ayurvedica d’autunno

riporto con alcune annotazioni le ricette che abbiamo cucinato e poi degustato insieme al corso di cucina ayurvedica di ottobre.

BEVANDE E INFUSI

l’assunzione di liquidi è fondamentale nell’ayurveda, purché non freddi, assunti con continuità e a piccole dosi, moderando alcool e in relazione alla funzione che devono svolgere.

INFUSI O DECOTTI in genere si parla di infuso per fiori e foglie che nell’acqua calda rilasciano le loro proprietà semplicemente versandovela sopra. Mentre per le spezie intere (semi cortecce bacche) per rilasciare le sostanze aromatiche è necessario che vi sia un processo di decozione di 5 10 minuti.

 LASSI RINFRESCANTE ALLE SPEZIE

INFUSO ANICE STELLATO E CARDAMOMO

 INFUSO ZENZERO E ZAFFERANO

TE’ DI ZENZERO (digestivo, rinfrescante) mangiato pesante? a fine pasto un pungente stimolante dell’attività digestiva e circolatoria… 2 fettine sottili di zenzero fresco senza buccia in acqua calda per tazza decotto per 5 minuti, e addolcito con zucchero di canna bio se gradito. Per chi ha problemi di irritazione lo zucchero toglie acidità. lo zenzero ha la proprietà di assorbire le tossine presenti nell’acqua dunque va estratto a fine decozione e filtrato per bere un infuso più puro.

 TE’ VATA – adatto alla stagione autunnale

ricco di spezie riscaldanti, utile a combattere le malattie da raffreddamento che derivano dal cambio di stagione.  liquirizia, cannella, zenzero e cardamomo – decotto 10 minuti in acqua calda.

 

Autore: valeria

nata in una città di mare dove non si mettono radici ho sempre viaggiato mimetizzandomi nel divenire di luoghi e persone. pratico una cucina corsara al cui centro vive l'attenzione alla materia prima, alle storie, alle provenienze. da anni sono nel commercio equo e solidale, ho attraversato campi, volti e mani di spezie, mescolando culture, diritti e complessità planetarie. sono autrice di "le spezie in cucina" (2004) e "le cucine degli altri" (2008), in ricerca con i laboratori masala per bambini, da 10 anni ormai non smetto di subire senza fine il fascino delle spezie.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn