pane allo zafferano di borgo pace (marche)

panediborgopaceconzafferanodimontefeltro

Tra le ricette più conosciute delle Marche il pane allo zafferano di Borgo Pace, dopo il brodetto marchigiano, per tradizione si cuoceva nel forno a legna usando legno di ginepro. Se disponi di ramoscelli di ginepro, puoi servire il pane a tavola utilizzandoli come guarnizione.

Consideriamo anche che lo zafferano era riservato ai ricchi, mentre nelle tavole più povere era sostituito con la “zafferanella” o “zafferanone” (cartamo tintorio), che cresceva selvatico nelle Marche.

Questa è una delle ricette del ricettario sullo zafferano di Zafferano Monfeltro, che contiene consigli e suggerimenti inediti su come cucinare la spezia:

ingredienti per un pane da circa 8 etti: 0,3 gr. di zafferano del Montefeltro in pistilli – 450 gr. farina OO – 280 ml di acqua circa – 50 gr. di lardo macinato – lievito di birra (25 g) – sale e pepe a piacere

Lascia rinvenire lo zafferano nell’acqua calda (ndr: almeno mezz’ora!). Impasta la farina con il lievito, il lardo e l’acqua con lo zafferano. Aggiungi poi progressivamente dell’altra acqua finché l’impasto non avrà la giusta consistenza e lavora il tutto a lungo insieme ad un pizzico di sale e pepe. Lascia riposare l’impasto, quando sarà lievitato ricava delle piccole pagnottelle ed incidi una croce sulla parte superiore di ciascuna. Lascia lievitare ancora e poi cuoci in forno preventivamente riscaldato a 180°C

...Aggiungo che io lo faccio cucinare i primi 5 minuti a temperatura più alta intorno ai 220 ° e poi altri 20 massimo 25 minuti a 180°,  a seconda della doratura. Poi prelevo il pane dal forno e lo avvolgo in un canovaccio di cotone, perché disperda il calore pian piano. 

 

Autore: valeria

nata in una città di mare dove non si mettono radici ho sempre viaggiato mimetizzandomi nel divenire di luoghi e persone. pratico una cucina corsara al cui centro vive l'attenzione alla materia prima, alle storie, alle provenienze. da anni sono nel commercio equo e solidale, ho attraversato campi, volti e mani di spezie, mescolando culture, diritti e complessità planetarie. sono autrice di "le spezie in cucina" (2004) e "le cucine degli altri" (2008), in ricerca con i laboratori masala per bambini, da 10 anni ormai non smetto di subire senza fine il fascino delle spezie.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn