la crisi e lo zafferano

zafferano alle casse_small

Poco prima di Natale ho buttato l’occhio sullo scaffale delle spezie in un supermercato …. quasi come in gioielleria, si doveva richiedere lo zafferano alle casse!!!!

Un pensiero flash back alla “manvora equa” di quella signora che di recente si è riempita il reggiseno di buste di zafferano per un totale di 700 euro di valore ed è bellamente uscita dal supermercato senza pagare….

Leggendo poi una piccola pubblicazione di ” zafferano tre cuochi” che riporta alcune vecchie immagini dei loro espositori storici da banco…ho notato che nel 1957 lo zafferano in bustina (il classico da 1/8 ovvero 0,12 gr) veniva venduto a 35 lire, circa 20 anni dopo, nel 1974, veniva venduto a 70 lire.

oggi lo stesso zafferano in bustina, stessa marca – tra l’altro all’epoca era solo dell’Aquila, tra i più pregiati! oggi è in miscela – ha prezzi intorno all’1,25 €. (oggi non vengono più vendute singolarmente ma in buste da 4 da 0,15 g a circa 6 euro e qualcosa!). l’aumento è di circa 35 volte. Lo stipendio medio è però aumentato si e no di 15 volte dagli anni 70 ad oggi.

Qualche domanda sul nostro potere di acquistare prodotti buoni è quasi superflua, significa che la disponibilità di denaro per un cibo buono si è fatta troppo sottile e che bollette, spasmo per le telefonie  e carburanti la seppelliranno!

Autore: valeria

nata in una città di mare dove non si mettono radici ho sempre viaggiato mimetizzandomi nel divenire di luoghi e persone. pratico una cucina corsara al cui centro vive l'attenzione alla materia prima, alle storie, alle provenienze. da anni sono nel commercio equo e solidale, ho attraversato campi, volti e mani di spezie, mescolando culture, diritti e complessità planetarie. sono autrice di "le spezie in cucina" (2004) e "le cucine degli altri" (2008), in ricerca con i laboratori masala per bambini, da 10 anni ormai non smetto di subire senza fine il fascino delle spezie.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn