libri sul peperoncino

Alcuni testi sul peperoncino per capirne di più, su varietà, forza piccante, dosaggi e modi d’uso.

superpiccante

... Il sole di questi giorni e le temperatura confortevole sono primizie di primavera.

E’ l’ora di dedicarsi all’orto. Quest’anno introduco il peperoncino. Si, ma quale?

Mi sono addentrata perciò nella lettura di qualche testo sul tema.  Il primo è “Super piccante” di Maia Beltrame, giornalista ( è destino che o prima o poi tutti i giornalisti scrivano un libro di cucina), un bel testo divulgativo con informazioni precise su aspetti concreti del peperoncino, comiciando dalle diverse famiglie di capsicum (5 chinensis che definirei gli estremi!, frutescens belli tosti, pubescens,baccatum quelli da cui cominciare, annum i più diffusi!!). Poi si arriva alla coltivazione “home made” e all’abitudine alla piccantezza, poco alla volta, mano a mano che i nervi sensoriali ricettori dello “stato di pericolo bruciore” si abituano e non lo avvertono più. Una cinquantina di ricette, tutte con foto molto calde in stampa opaca, dove la precisione nei dosaggi varia un po’ da ricetta a ricetta, ma mediamente ha un buon livello di chiarezza e semplicità nella realizzazione, dai canederli agli smoothies. La pazienza sta nel trovare i peperoncini proposti, un po’ speciali e dunque rari. (ogni ricetta ha comunque anche l’indicazione del  grado di piccante del piatto.)

I consigli di Beltrame danno inizio dunque al mio mini vivaio in vaschette, da far crescere al tepore di casa. Dopo la germinazione dei semi trasferirò le piantine in vaso di coccio con la terra. Non prima che la temperatura stia sopra i 15° (aprile!). i semi si mettono a dimora facendo un foro con il dito nel terriccio compatto e si coprono piano piano. Luce, calore e acqua costante con uno spruzzatore possibilmente, senza allagarli, daranno vita in qualche settimana alle prime piantine.

Quanto alla parte storica è un po’ breve, cosi mi sono data a una lettura divagante, completa e appassionata scritta da un professore e storico calabrase, Vito Teti. La sua “Storia del peperoncino” ed. Donzelli! Bellissimo, con escursus di poesia e di vita popolare legata a questi frutti piccanti, con qualche ricetta tradizionale scritta in lingua locale!

Trovato su una bancarella a Parigi per 3 € “Cuisiner aux piments” è un testo francese di Gina Steer, che attraversa l’orizzonte di un centinaio di ricette di tutto il mondo a base di peperoncino, molto curate nel dettaglio, dosaggio, modo di utilizzo, forza piccante. L’ introduzione è decisamente interessante, dedicata alle varietà e ai tipi botanici, agli usi e consumi, una impaginazione facile da consultare.

Alcune informaizoni di approfondimento sul peperoncino stanno in Masale, spices, una pubblicazione divulgativo-scientifica, sulle spezie indiane,  molto utile, che ho trovato al centro di ricerca sulla biodiversità di Navdanya a Dehradun nel nord dell’India, non interamente dedicato al peperoncino, al quale ha partecipato anche Vandana Shiva come comitato scientifico della Fondazione.

Qualche dettaglio:

L’India è una grande produttrice di capsici negli stati di Orissa, karnataka e Tamil Nadu, ne è grande utilizzatrice nei curries, dove la miscelazione deve essere molto equilibrata tra amaro, dolce, pungente piccante. In medicina i capsici risolvono un mare di dolori, artitriti, muscolari, nevralgie, sono tonici, rubefacenti, ossia agiscono sulla circolazione superficiale attivando il microcircolo. L’enzima isolato del cihili viene utilizzato nella cura di certe tipologie di cancro, essendo una fonte favolosa di vitamina c.Il frutescens è la versione perenne che fa piccoli frutti infuocati mentre l’annum è quello annuale più fiorito con frutti pendenti e piccantezza media fino al dolce.

…. leggeremo.

 

 

 

Autore: valeria

nata in una città di mare dove non si mettono radici ho sempre viaggiato mimetizzandomi nel divenire di luoghi e persone. pratico una cucina corsara al cui centro vive l'attenzione alla materia prima, alle storie, alle provenienze. da anni sono nel commercio equo e solidale, ho attraversato campi, volti e mani di spezie, mescolando culture, diritti e complessità planetarie. sono autrice di "le spezie in cucina" (2004) e "le cucine degli altri" (2008), in ricerca con i laboratori masala per bambini, da 10 anni ormai non smetto di subire senza fine il fascino delle spezie.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn