Il coriandolo si coltiva anche in Italia

Coltivare il coriandolo in Italia è facile.
Crescono le produzioni destinate ai mercati asiatici.
Ed anche nel mio giardino ne ho raccolto i semi rotondi.

coriandolo semi sulla pianta
coriandolo semi sulla pianta

Buona notizia! Assosementi ha annunciato un boom di campi di coriandolo in Italia, che sta crescendo come “buon” produttore di questa spezia. Da una produzione di 700 ettari una decina di anni fa ha raggiunto quest’anno gli oltre 10.000 dedicati a questa coltivazione in Puglia, Emilia Romagna Umbria e Marche, che per la maggior parte è però destinata ai mercati asiatici che ne apprezzano la qualità.

In effetti è una pianta relativamente facile da coltivare anche da sè e che ben si sviluppa nei climi mediterranei come il nostro. In un angolo aromatico del giardino di casa anche io ho prodotto il mio primo coriandolo. Ho interrato una pianta ad aprile e a fine luglio ne ho raccolto i semi.  Li ho lasciati essiccare all’aria in carta da pane; dapprima avevano l’ingombrante odore di… cimice (passatemi il termine) tipico anche delle foglie, che non amo molto, mentre ora hanno il fresco e agrumato slancio di sempre. L’inverno li vedrà in cucina e in tisana.  Se volete approfondire come coltivarloguardate anche qui:

http://www.elicriso.it/coriandolo/#raccolta

 

Autore: valeria

nata in una città di mare dove non si mettono radici ho sempre viaggiato mimetizzandomi nel divenire di luoghi e persone. pratico una cucina corsara al cui centro vive l'attenzione alla materia prima, alle storie, alle provenienze. da anni sono nel commercio equo e solidale, ho attraversato campi, volti e mani di spezie, mescolando culture, diritti e complessità planetarie. sono autrice di "le spezie in cucina" (2004) e "le cucine degli altri" (2008), in ricerca con i laboratori masala per bambini, da 10 anni ormai non smetto di subire senza fine il fascino delle spezie.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedIn